Fabricamenti

Home - Fabricamenti

 

venerdì 30 gennaio l’associazione culturale fabricamenti inaugura presso il mercato coperto coOpera: una nuova serie di iniziative incentrata sul coinvolgimento attivo della cittadinanza per la creazione di un’opera collettiva.

 

 

 

 

 

Titolo : coOpera/paint it

Coordinamento: fabricamenti

Apertura: ore 18:00

Luogo: mercato coperto, piazza Garibaldi n. 37

Data: 30 gennaio 2015

Durata: 30 gennaio - 20 febbraio 2015

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 334 7504394

 

 

 

 

 

 

 

coOpera, la nuova iniziativa proposta da Fabricamenti, è un’azione basata sul coinvolgimento attivo della cittadinanza per la creazione di un’opera collettiva.

 

Il primo appuntamento sarà ospitato presso i locali del Mercato Coperto in piazza Garibaldi e prenderà il via venerdì 30 gennaio alle ore 18.00. Protagonisti saranno una tavola bianca, dei colori e la creatività di chiunque voglia partecipare.

All’interno del Mercato coperto, già luogo di scambio, durante la serata di apertura si darà un impulso creativo per iniziare un processo, il successivo sviluppo, fino alla sua conclusione il 20 febbraio, è affidato e determinato dalla spontaneità dei partecipanti.

 

Partendo dall'azione creativa delle persone, l'opera si fa un evento costantemente in corso, attraverso la contaminazione fra i vari generi: colore, parole, immagini, oggetti.

 

la creatività come strumento di partecipazione e sviluppo

Questa azione ha infatti l’obiettivo di spingere le persone alla collaborazione, al fine di raggiungere uno scopo condiviso, di sviluppare la capacità di riconoscersi come “comunità”.

La riflessione sull’identità personale e sulla costruzione di un’identità collettiva, il superamento degli individualismi, l’attivazione di meccanismi di interazione sociale sono il filo conduttore di questa nuova serie di iniziative. coOpera vuole innescare una forma di scambio aperto, non gerarchico, fra gli individui: ogni cittadino può apportare il proprio contributo all'interno del processo di formazione dell’opera, agendo non più come entità isolata ma come elemento attivo di una rete in evoluzione, dando vita ad un'entità che è qualcosa di più che la somma delle singole parti.

 

 

Tutti sono invitati a partecipare, nel rispetto del locale che ci ospita.

I colori naturali e gli strumenti messi a disposizione sono offerti da: Art&Colour di Fabriano e Spring Color di Castelfidardo.

 

Vi aspettiamo!

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Fabriano: sesto appuntamento con “INTERNO.giorno”, sabato 22 novembre 2014 dalle ore 17.00 alle ore 20.00. L’associazione culturale fabricamenti propone un incontro sulla cucina.

Titolo: INTERNO.giorno /tempi di cottura

Coordinamento: fabricamenti
Luogo: fraz. Paterno n. 54 – Fabriano (AN)

Data: sabato 22 novembre 2014

Durata: sabato 22 novembre 2014 - dalle ore 17.00 alle ore 20.00

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Prenotazioni: mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    sms:+39 334 750 4394

Per il sesto appuntamento con INTERNO.giorno, previsto per sabato 22 novembre 2014 dalle 17.00 alle 20.00, fabricamenti invita una food blogger e una nonna.

INTERNO.giorno, un’iniziativa che svela il cuore pulsante delle passioni vissute all’interno di abitazioni private, intende promuovere la cultura dell’accoglienza e sviluppare una nuova dimensione attrattiva per una città in cambiamento, attraverso percorsi di scambio e di approfondimento “intimo”, aprendo i confini delle mura domestiche ed entrando nello spazio del quotidiano attraverso l’arte, la musica, la cucina, la letteratura e tante altre passioni.

Un viaggio in varie case, in cui in ogni stazione c’è un ospite, calore umano, sentimenti e storie da condividere, ricercando il coinvolgimento emotivo dei partecipanti. Ospitalità, dunque, come tipo di relazione tra individui legata a gesti “rituali” come la stretta di mano, l’abbraccio dell’ospite, l’offrire una tazza di tè, l’offrire sè stessi.

TEMPI DI COTTURA

Rossella, food blogger e food photographer (http://vanigliacooking.blogspot.it)

Nonna Palmira

Roberta, fashion blogger, ospite

La cucina intesa come insieme di gesti atti a prendersi cura dei propri cari, come atto di amore volto a nutrire non solo il corpo ma anche lo spirito.

Una chiacchierata per approfondire come sia cambiato il concetto di cucina nel tempo, dalle colazioni di campagna e dalle ricette della guerra fino ai giorni nostri, ricchi di blog di cucina e trasmissioni televisive. Un parallelo tra la cucina tradizionale, intesa come forma di cultura legata alla terra, al proprio territorio e una cucina che continua a rapportarsi col luogo, ma con maggiore consapevolezza e allo stesso tempo si apre, attraverso la messa in rete delle informazioni, con culture differenti oltrepassando i confini territoriali. Generazioni diverse con un denominatore comune: l'ingegno, la passione, la cura e la creatività ai fornelli.

Fabricamenti, per questo nuovo appuntamento, propone l’incontro e il dialogo prendendo spunto dall’attività di Rossella e dall’esperienza della nonna, per condividerne passioni, storie e segreti di cucina. I visitatori saranno accolti dalla padrona di casa, una persona raffinata, curiosa del mondo e che vive con creatività, per una chiacchierata fra biscotti, tisane ed entusiasmo in una piacevole atmosfera.

Per partecipare, è necessario prenotare entro venerdì 21/11/2014:

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - sms: +39 334 750 4394

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 


ONE BIG COLOURs 2014

 Sabato, 19 Luglio 2014

Piazza del Castello di Collamato

 

Dopo il grande successo della prima edizione, anche quest’anno ritorna “One Big Colours”, la festa dei colori, organizzata dalla collaborazione tra l’associazione culturale Fabricamenti e Mosaico cooperativa sociale, con il patrocinio del Comune di Fabriano.

L’appuntamento è fissato per sabato 19 luglio alle ore 17.00, ancora una volta nella suggestiva Piazza del Castello di Collamato.  Un’edizione che si preannuncia ancora più ricca e coinvolgente.  

Il colore come elemento di integrazione culturale, valorizzazione del territorio e dell’individuo. Questa la vera essenza della festa.

“One Big Colours” è ispirato al festival indiano Holi, dove folle di devoti si immergono in un bagni di colore per abbattere le differenze di casta, un rito che annulla le differenze, la paura di sporcarsi e il timore di mettersi in gioco.

Tutte le comunità, presenti a Fabriano, sono state invitate a partecipare per favorire l’integrazione nella comunità locale e per aiutare a formare una nuova coscienza di convivenza sociale.

Per la seconda edizione della festa non mancheranno le polveri naturali colorate arrivate direttamente dall’India.

 Alle 17.00  il lancio coordinato dei colori darà il via al  lungo pomeriggio  che sarà animato da momenti di musica e danze offerti dalle comunità, e musica ​con dj. Previste inoltre diverse attività parallele sia per grandi che per bambini e un piccolo punto ristoro gestito dal Circolo della Parrocchia di Collamato.

Ai partecipanti verranno fornite gratuitamente, all'ingresso, due bustine di colore per i due lanci coordinati previsti alle 18.30 e alle 20.00.

 “One Big Colours” rappresenta un’opportunità  vivace e innovativa  di promozione territoriale, grazie anche alla diffusione capillare di video e foto che dipingono un ambiente divertente, sorprendente per l’effetto dei colori e per la suggestiva cornice. Si tratta di una festa della comunità, con la comunità, per la comunità che nasce dalla volontà di condivisione, collaborazione e coinvolgimento, caratteristiche  essenziali di fabricamenti. Proprio con questo spirito l’associazione ha scelto, come nella precedente edizione, un sistema di finanziamento in grado di coinvolgere chiunque  desideri  offrire il proprio contributo: il “crowdfunding”, o raccolta fondi collettiva, perché la festa sia davvero di tutti.

Di seguito il link:  http://www.eppela.com/ita/projects/853/one-big-colours-2014-la-festa-dei-colori-a-fabriano

Un ringraziamento a tutti coloro che ci stanno sostenendo con piccoli e grandi contributi. Si ringraziano, inoltre,  per la collaborazione: il Circolo della Parrocchia di Collamato e la Fondazione Carifac, che sostiene le azioni di fabricamenti nel programma 2014.
 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Sabato 07 giugno 2014 alle ore 9.15


verrà presentato il lavoro conclusivo dell'esperienza dei Laboratori Creativi, organizzati da Fabricamenti e vissuta da alcuni alunni delle classi seconde dell'istituto comprensivo Marco Polo.


Lo sviluppo creativo del progetto, attraverso il metodo Fabricamenti ha coinvolto i partecipanti nella condivisione e nel confronto dello sguardo individuale.

 

Fino alla concretizzazione in un video dove l’idea di uno diventa idea di tutti.

 

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La funzione creatrice dell'immaginazione appartiene all'uomo comune, allo scienziato, al tecnico; è essenziale alle scoperte scientifiche come alla nascita dell'opera d'arte; è addirittura condizione necessaria alla vita quotidiana... [...]

[Le fiabe e le creazioni] servono all'uomo completo. Se una società basata sul mito della produttività (e sulla realtà del profitto) ha bisogno di uomini a metà – fedeli esecutori, diligenti riproduttori, docili strumenti senza volontà – vuol dire che è fatta male e che bisogna cambiarla. Per cambiarla, occorrono uomini creativi, che sappiano usare la loro immaginazione. [...]

Creatività è sinonimo di “Pensiero divergente”, cioè capacità di rompere continuamente gli schemi dell'esperienza. È “creativa” una mente sempre al lavoro, sempre a far domande, a scoprire problemi dove gli altri trovano risposte soddisfacenti, a suo agio nelle situazioni fluide nelle quali gli altri fiutano solo pericoli, capace di giudizi autonomi e indipendenti (anche dal padre, dal professore e dalla società), che rifiuta il codificato, che rimanipola oggetti e concetti senza lasciarsi inibire dai conformismi. Tutte queste qualità si manifestano nel processo creativo.

E questo processo – udite! Udite! - ha un carattere giocoso: sempre.
(Gianni Rodari, Grammatica della fantasia)

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Fabriano. Nuova tappa delle condivisioni itineranti proposte dagli aperi.QUì.
L’associazione culturale fabricamenti invita ad una nuova esperienza di condivisione e riflessione, giovedì 13 marzo alle 18.30 presso il teatro Gentile da Fabriano.

 

 

Titolo: aperi.QUì  - condivisioni itineranti / l’Opera
Apertura: ore 18.30
Luogo: Teatro Gentile da Fabriano, ingresso palcoscenico, via Gentile da Fabriano n. 5 - 60044  - Fabriano (AN)
 
Data: 13 marzo 2014
Durata: dalle 18.30 alle 21.00
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.fabricamenti.it



"Il termine utopia è la maniera più comoda per liquidare quello che non si ha voglia, capacità, o coraggio di fare. Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia da qualche parte, solo allora diventa un proposito, cioè qualcosa di infinitamente più grande."

Adriano Olivetti

Una nuova tappa del percorso itinerante per aperi.QUì questa volta in uno dei luoghi della cultura in cui la comunità si è sempre riconosciuta: il teatro Gentile da Fabriano.
Giovedì 13 marzo alle ore 18.30
verranno offerti spunti di riflessione attorno al significato di diventare "attori" della propria vita, del proprio futuro, ma anche di quello nostra città.
Salire sul palco del Teatro Gentile non solo per cambiare il punto di vista, ma per cambiare atteggiamento, oltrepassare il velluto del sipario e diventare protagonisti della scena, invece che spettatori; prendere in mano il proprio destino, ma anche per contribuire in maniera attiva al destino di  tutta la comunità.
 
Il tema proposto è l’Opera.
Opera come Opera lirica, intesa come opera artistica che vive la scena, ma anche come Opera dell'individuo che è alla base dell’impresa dell’artigianale, commerciale ed industriale.
L’aperi.QUì sarà in un luogo di scambio e di condivisione con giovani che hanno intrapreso, con coraggio e passione, iniziative imprenditoriali ma anche con attori teatrali che saranno in mezzo a noi a recitare e a raccontarci come si vive sulla scena.

La formula dell’ aperi.QUì sarà sempre la stessa, ogni partecipante dovrà intervenire portando con sé il suo contributo, il necessario per l'aperitivo e condividerlo con gli altri insieme a cultura, idee ed energie. Tutti sono invitati a farsi attori proponendo spunti di riflessione, in linea con lo spirito dell'evento e dell'associazione stessa: la crescita culturale attraverso la condivisione collettiva.

 Per informazioni e contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   - www.fabricamenti.it

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

(le nuvole di Tullio Pericoli)

 

" il mare fa il mare, il cane fa il cane, l'uomo fa l'uomo,

 

nessuno sa cosa fa il poeta dentro al mondo. 

 

Non lo sa lui per primo e per questo scrive, per scoprirlo"

 

Franco Arminio dal quaderno quadrone 'il topo sognatore e altri animali di paese'

 

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

Fabriano: quinto appuntamento con “INTERNO.giorno”

sabato 08 febbraio 2014 dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

L’associazione culturale fabricamenti propone un incontro con Massimo De Nardo, editore e scrittore.

 

Per il quinto appuntamento con INTERNO.giorno, previsto per sabato 8 febbraio dalle 17.00 alle 20.00, fabricamenti invita Massimo De Nardo, editore e scrittore.

Già responsabile della rivista Rrose (periodico sulla creatività), oggi è direttore editoriale della collana di libri per ragazzi “Il Quaderno quadrone” (edizioni Rrose Sélavy).

 

INTERNO.giorno, un’iniziativa che svela il cuore pulsante delle passioni vissute all'interno di abitazioni private, intende promuovere la cultura dell’accoglienza e sviluppare una nuova dimensione attrattiva per una città in cambiamento, attraverso percorsi di scambio e di approfondimento “intimo”, aprendo i confini delle mura domestiche, entrando nello spazio del quotidiano attraverso l’arte, la musica, la letteratura e tante altre passioni.

Un viaggio in varie case, in cui in ogni stazione c’è un ospite, calore umano, sentimenti e storie da condividere, ricercando il coinvolgimento emotivo dei partecipanti. Ospitalità, dunque, come tipo di relazione tra individui legato a gesti “rituali” come la stretta di mano, l’abbraccio dell’ospite, l’offrire una tazza di tè, l’offrire se stessi.

 

CHE MESTIERE FANTASTICO!

Massimo De Nardo nel corso dei suoi studi universitari ha consolidato le sue passioni per poi dedicare la sua vita all'arte, alla letteratura, al teatro.  Solamente l’arte è in grado di liberare l’uomo dalla maschera che ogni giorno è costretto ad indossare. È proprio su questa linea di condotta che Massimo De Nardo fonda il suo lavoro: conserva lo sguardo del bambino, che crea e sogna scoprendo il mondo con disincantata meraviglia, aggiungendovi la consapevolezza di un adulto che con impegno e con professionalità ha costruito il suo percorso professionale.

 

fabricamenti, per questo nuovo appuntamento, propone l’incontro e il dialogo prendendo spunto dall'attività artistica ed editoriale di Massimo De Nardo e di Rrose Sélavy, per condividerne le iniziative e i progetti futuri. 

I visitatori saranno accolti dalla padrona di casa, una persona che vive tra la creatività, in una simpatica ed intima atmosfera, per una chiacchierata fra arte, letteratura, entusiasmi, utopie. D'altronde, come dice Loredana Lipperini, una delle autrici dei Quaderni quadroni di Rrose Sélavy,

«Sono le storie che cambiano il mondo».

 

Per partecipare, è necessario prenotarsi in anticipo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – sms: 393.6417286

 

se ancora non lo avete fatto, inviate una mail o un sms per poter partecipare all'incontro con Massimo De Nardo!

ci sono ancora pochi posti disponibili!

 

VI ASPETTIAMO!

 

qui sotto alcune indicazioni, così sarà più facile trovarci!

 

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

'É Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, 
mentre le persone sono sempre più intermittenti. 
Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese.'
 
Charles Bukowski

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 3 di 6