Fabricamenti

Home - Fabricamenti

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

Per il quarto appuntamento con INTERNO.giorno, previsto per sabato 23 novembre dalle 17.00 alle 20.00,  fabricamenti incontra Marijana Milinkovic, autrice del romanzo “Le luci di Sarajevo”. Un racconto autobiografico in cui Marijana descrive la sua infanzia in Bosnia, negli anni della guerra, sino al suo arrivo in Italia appena tredicenne.

 

INTERNO.giorno, un’iniziativa che svela il cuore pulsante delle passioni vissute all'interno di abitazioni private, intende promuovere la cultura dell’accoglienza e sviluppare una nuova dimensione attrattiva per una città in cambiamento, attraverso percorsi di scambio ed approfondimento ‘intimo’, aprendo i confini delle mura domestiche, entrando nello spazio del quotidiano attraverso l’arte, la musica, la letteratura e tante altre passioni.

 

Un viaggio in varie case, in cui in ogni stazione c'è un ospite, del calore umano, sentimenti e storie da condividere, ricercando il coinvolgimento emotivo dei partecipanti. Ospitalità, dunque, come tipo di relazione tra individui legato a gesti "rituali" comela stretta di mano, l'abbraccio dell’ospite, l’offrire una tazza di tè, l’offrire se stessi.

 

La passione per la scrittura è diventata per Marijana la fonte di energia e stimoli. Nell’incontro di sabato potremo conoscere la sua storia e come l’idea di scrivere un romanzo, raccogliendo frammenti di un diario conservato gelosamente da bambina, sia maturata a seguito della prematura scomparsa del fratello Luka, e come lei abbia voluto omaggiarlo affinché il ricordo della loro fanciullezza non morisse con lui,ma che si cristallizzasse attraverso le parole scritte.

Scrivere per non dimenticare momenti, volti, emozioni. Scrivere per fuggire dalla realtà. Scrivere per ritrovare la realtà. Scrivere per ritrovarsi. Scrivere per rileggere la propria storia, per dare un finale diverso ad una storia scritta da altri.

 

fabricamenti, per questo nuovo appuntamento, propone l’incontro ed il dialogo prendendo spunto da un libro, dove ogni singola pagina è intrisa di fiducia nell’avvenire, un inno alla vita, dunque, attraverso lo strumento della scrittura. I visitatori saranno accolti dai padroni di casa. in una simpatica ed intima atmosfera, per una chiacchierata di vita, passione e speranza.

Saremo ospitati da una coppia che ha potuto vivere ed appassionarsi all’importanza di ogni singolo essere umano in luoghi in cui questa sembra scomparire.

 

Per partecipare è necessaria la prenotazione (mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – sms : 393.6417286)

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Fabriano. Nuova tappa delle condivisioni itineranti proposte dagli aperi.QUì. L’associazione culturale fabricamenti invita ad una nuova esperienza di condivisione e riflessione, giovedì 14 novembre alle 18.30 presso il Palazzo del Podestà.

 

Una nuova tappa del percorso itinerante per aperi.QUì, gli appuntamenti informali dell'associazione fabricamenti alla ricerca del senso di comunità, in una nuova esperienza di scambio in uno dei luoghi più rappresentativi della nostra città, il Palazzo del Podestà.

Giovedì 14 novembre alle ore 18.30 verranno offerti spunti di riflessione sul tema della comunicazione, in una fase di passaggio per Fabriano, dall’epoca del trasporto delle merci a quella del trasporto delle informazioni.

La scelta del Palazzo del Podestà nasce dall’importanza che rappresenta per la nostra città: eretto per unire simbolicamente e fisicamente gli storici quartieri del centro, si è trasformato da strumento a oggetto della comunicazione, veicolo della nostra immagine nel mondo.

Durante molti decenni si sono spese enormi energie e risorse economiche, per superare l’isolamento geografico di queste terre, progettando moderne vie di comunicazione, su cui far viaggiare i prodotti del territorio. La storia insegna che l’evoluzione di strumenti e linguaggi della comunicazione è andata di pari passo con il progresso civile e tecnologico, sono cambiati, spesso sono migliorati e continuamente sono mutati. Lo stesso fenomeno si è verificato per le infrastrutture.

E se le reti telematiche, quelle sulle quali far “volare” in tutto il mondo le bellezze della nostra città e delle nostre terre per dare il via ad un nuovo modello di sviluppo del territorio, fossero le nuove vie di comunicazione per mostrare non solo quello che Fabriano sa produrre, ma quello che ha da offrire?

E se, nell’epoca della comunicazione digitale, fosse ormai giunto il momento di riscrivere un antico proverbio, trasformandolo in “Verba volant, scripta volant, imagines volant”?

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

(vi state prendendo cura dei vostri semi?)

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Fabriano. Nuova tappa delle condivisioni itineranti proposte dagli aperi.QUì.

L’associazione culturale fabricamenti invita ad una nuova esperienza di condivisione e riflessione.

 

 

giovedì 26 settembre alle 18.30

 

Luogo: Istituto Tecnico Agrario "Vivarelli" - Via Cappuccini, 5 - 60044 - Fabriano (AN)

 

Data: 26 settembre 2013

Durata: dalle 18.30 alle 20.30

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ritornano gli appuntamenti informali dell'associazione fabricamenti, nel percorso itinerante di aperi.QUì alla ricerca del senso di comunità, in una nuova esperienza di condivisione ed incontro: la crescita dell’individuo come elemento centrale per una crescita del territorio.

 

L’Istituto Agrario “Vivarelli” da sempre rappresenta un’eccellenza del territorio fabrianese. Un luogo che riesce a coniugare la crescita dei giovani nell’apprendimento e nelle relazioni alla valorizzazione del nostro territorio. I suoi germogli e i suoi frutti.

 

Il nuovo appuntamento di Aperi.QUI - condivisioni itineranti vuole così offrire spunti di riflessione sulle componenti necessarie alla crescita di un germoglio (inteso non solo nel suo senso naturale, ma anche umano, sociale ed economico) affinché possa svilupparsi forte e sano, portando frutto.

Per la crescita di un germoglio è indispensabile offrire un buon terreno, dosare in parti equilibrate il sole, l’acqua, il concime, ma anche sostenerlo con tralicci e rafforzarlo con potature.
Quali sono gli elementi veramente necessari allo sviluppo armonico, responsabile e creativo di un giovane individuo e del nostro territorio?

In che modo possiamo prenderci cura dei nostri germogli?

 

La formula dell’ aperi.QUì sarà sempre la stessa, ogni partecipante dovrà intervenire portando con sé il suo contributo, e condividerlo con gli altri insieme a cultura, idee ed energie.

Questa volta, essendo in una scuola, l’aperitivo dovrà essere tassativamente analcolico.

Ogni singolo partecipante è invitato a farsi lui stesso attore proponendo spunti di riflessione, in linea con lo spirito dell'evento e dell'associazione stessa: la crescita culturale attraverso la condivisione collettiva.

 

 

Per informazioni e contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.fabricamenti.it

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

giovedì 25 luglio 2013 dalle ore 19.00 alle 22.00.

L’associazione culturale fabricamenti propone un incontro con Massimo ‘MAX’ Salari

 

Titolo : INTERNO.giorno / Open Sound

Coordinamento: fabricamenti

Apertura: ore 19.00

Luogo: Via III Vicolo del Piano n. 1 – Fabriano (AN)

Data: giovedì 25 Luglio 2013

Durata: giovedì 25 luglio 2013 dalle ore 19.00 alle 22.00

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il terzo appuntamento con INTERNO.giorno, un calendario d'incontri che svela il cuore pulsante delle passioni vissute all'interno di abitazioni private, si svolgerà giovedì 25 luglio dalle 19.00 alle 22.00  per incontrare il critico musicale Massimo “Max” Salari.

Si parlerà dell’amore per la musica, di come è nato il Rock, come si è modificato nel tempo,  analizzando in maniera originale i testi a cui si è più affezionati e andando a riscoprire le copertine più curiose.

 

Un “mix “di relazioni  con la musica protagonista assoluta dell’incontro.

Venite con la vostra playlist della vita,  inviatela alla nostra mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ), oppure interagite nel gruppo creato su facebook (https://www.facebook.com/INTERNO.GIORNO/OPEN SOUND)

se ne discuterà insieme e verrà eletto il brano di sempre!

 L'obiettivo di INTERNO.giorno è quello di promuovere la cultura dell’accoglienza e sviluppare una nuova dimensione attrattiva per una città in cambiamento, attraverso percorsi di scambio ed approfondimento ‘intimo’, aprendo i confini delle mura domestiche, entrando nello spazio del quotidiano attraverso l’arte, la musica, la letteratura, la cucina e tante altre passioni.

Un viaggio in varie case, in cui in ogni stazione c'è un ospite, del calore umano, sentimenti e storie da condividere, ricercando il coinvolgimento emotivo dei partecipanti. Ospitalità, dunque, come tipo di relazione tra individui legato a gesti "rituali" come la stretta di mano, l'abbraccio dell’ospite, l’offrire una tazza di tè, far assaggiare un dolce appena sfornato, l’offrire se stessi.

fabricamenti, per questa terza tappa, propone l’incontro ed il dialogo Massimo Max Salari,  persona ricca di esperienza, ma soprattutto appassionata verso la musica e le sue contaminazioni. I visitatori saranno accolti dai padroni di casa in una simpatica ed intima atmosfera, per una chiacchierata sulla vita e sulla musica.

 Per partecipare è necessaria la prenotazione

(contattare: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . – tel : 393.6417286)

 

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

Titolo : ONE BIG COLOURS –  la festa dei colori a Fabriano

l’associazione culturale fabricamenti invita alla prima festa dei colori a Fabriano - SABATO 13 luglio, dalle 17.00 al tramonto.

Coordinamento: fabricamenti

Apertura: ore 17:00

Luogo: piazzetta del Castello fraz. Collamato, Fabriano (AN)

Data:  sabato 13 luglio 2013

Durata: sabato 13 luglio 2013 dalle 17.00 alle 21.00

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    -  www.fabricamenti.it/onebigcolours

http://www.eppela.com/ita/projects/465/one-big-colours-la-festa-dei-colori-di-fabriano

 
Ingresso libero

 
Quasi un quintale di polveri naturali è in viaggio direttamente dall'India per venire a colorare la prima festa dei colori di Fabriano. Ad organizzarla è  l'associazione culturale fabricamenti, in collaborazione con il Comune di Fabriano e la Fondazione CARIFAC.

L’appuntamento è per il 13 luglio, nella suggestiva piazzetta del castello di Collamato. Alle 17.00 il lancio coordinato dei colori darà il via alla festa che proseguirà fino al tramonto con musica proveniente da tutto il mondo.

Ispirata al festival indiano Holi, dove folle di devoti si immergono in un bagno di colore per abbattere le differenze di casta, One Big Colours, sganciata dalla connotazione induista, usa il colore come elemento di integrazione culturale e valorizzazione dell’individuo. Il rito della colorazione annulla le differenze, la paura di sporcarsi ed il timore di mettersi in gioco. Tutte le comunità immigrate a Fabriano sono state invitate a partecipare, per favorire l'integrazione con la comunità locale, per aiutare a formare una nuova coscienza di convivenza sociale.

One Big Colours, il primo di una serie di appuntamenti itineranti nelle frazioni del Comune di Fabriano, propone anche un modo vivace di veicolare la promozione territoriale. E’ una festa della comunità, con la comunità, per la comunità che nasce dalla volontà di condivisione, collaborazione e coinvolgimento, tipici di fabricamenti.

Proprio in questo spirito fabricamenti ha scelto un sistema di finanziamento in grado di coinvolgere chiunque voglia dare il proprio contributo: il crowdfunding  -  raccolta fondi collettiva – perché la festa sia davvero di tutti!

Per info su come sostenere l’iniziativa:

http://www.eppela.com/ita/projects/465/one-big-colours-la-festa-dei-colori-di-fabriano


 
Annulla le differenze. Bagnati di colore. Colorati di gioia!


grazie a tutti coloro che vorranno sostenerci anche con un piccolo contributo!

Condividi:

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 4 di 6